Intervento notturno straordinario

La settimana scorsa ci sono stati diversi interventi sulle piste da sci, la maggioranza riguardava fratture di ogni tipo, ma anche qualche emergenza sanitaria in pista, per fortuna niente di preoccupante.

Un intervento con 3 assistiti in un colpo è stato effettuato il 14 gennaio : al Plan de Gralba uno sciatore accusava grosse difficoltà respiratorie. Poco dopo un ulteriore allertamento per una lussazione dell’anca al Ciampinoi. Mentre il primo paziente dopo le prime cure mediche è stato consegnato all’ambulanza, il secondo è stato preso a bordo. Appena decollati la Centrale Operativa 112 chiama per un terzo incidente in pista, in zona Ruacia uno sciatore necessitava di una terapia del dolore. Anche lui è stato preso a bordo, entrambi i pazienti sono stati elitrasportati all’ospedale di Bressanone.

Un intervento notturno con esito felice è stato registrato il 15 gennaio: verso le ore 22.00 il Soccorso Alpino dell’Alta Pusteria è stato allertato per 2 giovani alpinisti bloccati sulla Cima Grande di Lavaredo. Dato le temperature di – 15 gradi e il forte vento i due germanici sono stati costretti ad allertare la Centrale Operativa. Il Soccorso Alpino è giunto al Rifugio Auronzo in motoslitta, da lì si proseguiva a piedi. Arrivati in prossimità dei ragazzi e visto la situazione precaria è stato richiesto l’intervento dell’elicottero, che prontamente è decollato da Pontives. Verso le ore 23.15 i due alpinisti sono stati recuperati con l’ausilio del verricello ed elitrasportati a Dobbiaco. Erano infreddoliti, ma fortunatamente illesi.