Numerosi interventi

Uno dei numerosi interventi effettuati dall’Aiut Alpin Dolomites settimana scorsa riguardava un alpinista germanico 26enne: il giovane è precipitato nella corda per 15-20 metri sulla “Cansla dala biesces” situata sulla parete est del massiccio del Sella e ha riportato lesioni serie. Con l’ausilio del verricello l’uomo è stato recuperato e successivamente elitrasportato all’ospedale di Bolzano.
A Plan un uomo del posto si è tagliato a una mano mentre lavorava la legna e, sempre in Val Gardena, sotto il Pic un escursionista tedesco di 80 anni avvertiva forti disturbi cardiocircolatori.
In Val Badia al rifugio Pisciadù un escursionista spagnolo necessitava di aiuto: l’uomo si era ferito a una gamba e non era più in grado di affrontare la discesa per Corvara. E’ stato elitrasportato a valle, dove lo aspettava già l’ambulanza per il trasporto in ospedale a Brunico.
Un intervento probabilmente salvavita è stato effettuato a La Villa in Val Badia. Un turista 39enne presentava tutti i sintomi di un emorragia celebrale. Il medico lo ha stabilizzato sul posto per il trasporto all’ospedale, dove nel frattempo è stata avvertita la sala operatoria per l’intervento d’emergenza. In serata l’equipaggio dell’Aiut Alpin ha saputo che l’intervento è andato bene e che il paziente fortunatamente era fuori pericolo di vita.
Una chiamata è giunta dalle cime Cir a Selva di Val Gardena: un escursionista ha osservato la caduta in corda di un alpinista sulla via Clark. Gli sembrava che l’uomo non si muovesse più ed ha allertato la Centrale Operativa d’Emergenza, che a sua volta ha mandato sul posto l’Aiut Alpin Dolomites. Giunti sul target l’equipaggio ha constatato che l’alpinista non era ferito e che continuava l’arrampicata insieme ai compagni di cordata. L’elicottero così è rientrato in base a Pontives.
Un altro incidente alpinistico è stato effettuato in Val di Fassa in zona Roda de Vael. Sulla via Rizzi un alpinista è precipitato in corda per una 30ina di metri, riportando un trauma cranico facciale serio. Con una verricellata di 60 metri l’infortunato è stato recuperato e successivamente elitrasportato all’ospedale di Trento. Anche il compagno di corda illeso è stato recuperato dall’Aiut Alpin Dolomites.