Interventi effettuati

Il 17 luglio l’Aiut Alpin Dolomites è decollato già la mattina presto in direzione Vandoies per un incidente con una scavatrice, che ha visto coinvolto un uomo del posto. L’uomo è stato elitrasportato all’ospedale di Bressanone con un trama agli arti inferiori.
Al pomeriggio un escursionista americano è caduto poco sotto la cima del Sassopiatto rotolando per diversi metri sui sassi. L’uomo ha riportato un trauma cranico e un taglio profondo in faccia. Il medico e il Tecnico Elisoccorritore sono stati calati con una verricellata e, dopo le prime cure sul posto, il ferito è stato recuperato ed elitrasportato all’ospedale di Bolzano.
Anche una 33enne tedesca, caduta con la mountain bike all’Alpe di Siusi, è stata elitrasportata all’ospedale di Bolzano, la donna ha battuto fortemente la testa e subito una frattura dolorosa della spalla.
Verso sera è giunto ancora un allertamento da S.Cristina per una bambina di soli quattro anni con convulsioni febbrili. Fortunatamente le condizioni della piccola non erano così preoccupanti come pensato inizialmente, nonostante ciò la bambina, insieme alla mamma, è stata elitrasportata all’ospedale di Bolzano per accertamenti.

Il 18 luglio sono stati effettuati ben nove interventi, di cui sette nelle vallate ladine. Tra l’altro a Colfosco per un dipendente di un albergo 49enne, che la mattina è stato ritrovato privo di vita a letto. Purtroppo al medico non è rimasto altro che constatare il decesso del serbo, l’uomo è deceduto nel sonno.
Un intervento particolarmente impegnativo per il medico è stato effettuato poco dopo al Monte Piana nel Bellunese, dove è precipitato un 31enne pilota di parapendio. Il giovane è stato intubato ancora sul posto e successivamente elitrasportato d’urgenza all’ospedale di Bolzano.
Il forte temporale verso sera si era appena calmato, che già sono giunte in base le prime richieste d’aiuto: 2 alpinisti erano impegnati sulla Via Adang al Sas Ciampac quando hanno beccato in pieno il temporale e sono rimasti bloccati. Con l’aiuto del Soccorso Alpino dell’Alta Badia i due sono stati recuperati e portati in salvo a Corvara con una corda fissa di 50 metri.
Da Corvara direttamente al Sassolungo, anche qui due alpinisti italiani non riuscivano a proseguire a causa del maltempo. Con un volo stazionario i due sono stati presi a bordo e portati al Passo Sella, dove avevano lasciato la macchina.
Dal massiccio del Sella è giunto anche il terzo allertamento, due alpinisti neozelandesi erano impegnati sul terzultimo tiro della Via Kasnapoff sulla seconda Torre del Sella, quando sono stati sorpresi dal temporale. I due erano bagnati fradici e avevano un gran freddo. Con una verricellata di 70 metri anche loro sono stati recuperati illesi.
Tutti questi alpinisti erano partiti con bel tempo e un gran caldo e non avevano portato una giacca impermeabile per proteggersi dalla pioggia. Il nostro appello perciò è di essere preparati per ogni eventuale cambio di temperatura portando con sé sempre almeno un capo caldo.

Il 19 luglio la Centrale Operativa di Trento ha inoltrato una chiamata di soccorso dal Catinaccio da “Le Scalette”, dove un escursionista tedesco è stato colto da un malore. All’arrivo dell’elicottero l’uomo si è ripreso al punto da rifiutare il trasporto in ospedale, l’Aiut Alpin Dolomites è tornato in base a Pontives, dove poco dopo si è presentata un ambulanza della Croce Bianca, a bordo una paziente francese con un insufficienza cardiaca. Dopo una prima terapia sul posto la paziente è stata riconsegnata all’ ambulanza per il trasporto in ospedale.

Il 23 luglio ci sono stati tre interventi, questa volta tutti e tre al di fuori dalle vallate ladine: sul Gran Pilastro alpinisti hanno visto precipitare una donna dalla cresta e hanno lanciato l’allarme. Purtroppo la donna era morta sul colpo, la salma è stata ricomposta e recuperata con il verricello.
Al primo pomeriggio un escursionista 77enne è caduto sul Hirzer fratturandosi l’anca. Anche lui è stato recuperato con il verricello e successivamente elitrasportato all’ospedale di Merano.
Il terzo e ultimo intervento della giornata riguardava una donna 34enne tedesca con dolori toracici. La paziente è stata elitrasportata all’ospedale di Bolzano con un sospetto infarto.